Cerca
  • Federico Cucchi

L'abito per il matrimonio: le regole di stile classico

Aggiornamento: 19 apr 2021


Ci sono date significative nella vita di ognuno di noi e una di queste è senza dubbio il matrimonio. Un momento importante in cui si raggiunge un grande traguardo, la scelta della persona che ci accompagnerà durante la nostra vita. In suddette occasioni si desidera apparire al meglio, data l’irripetibilità del momento. Per questo motivo, è importante saper scegliere il vestito più adatto all’occasione.


In questo articolo andremo ad analizzare quali sono le regole classiche sull'abito dello sposo, tenendo in considerazione che la scelta è sempre della coppia e quindi libero sfogo a matrimoni creativi, esotici e in cui ci si sente davvero a proprio agio. Dopotutto, è quello l'importante.


Per prima cosa bisogna considerare il luogo dove avverrà la cerimonia e il momento dell’anno; da ciò andrà a dipendere la scelta del tessuto. Inoltre, scegliere se si vorrà utilizzare il vestito solo per questo giorno o anche per altre occasioni.


Andiamo ora ad analizzare la tipologia di abiti adatti per il matrimonio e vediamo, in seguito, come districarci correttamente nella scelta del tessuto/abito adatto per luogo e stagione.


Il tight


Il tight è il vestito da giorno più formale che l’uomo possa indossare. Si indossa solo di giorno in città fino alle 18.00 e, dopo quest’ora, lascia il posto allo smoking.


Il tight si compone di:

o Giacca lunga nera o grigio scura molto aperta sui quarti anteriori (le parti anteriori della giacca che si chiudono con il bottone) e revers a lancia.

o Pantalone grigio con righe simili a un gessato nei colori antracite bianco e grigio chiaro

o Panciotto di colore chiaro, spesso panna, avorio o beige chiarissimo

o Scarpa Oxford nera ben lucidata

o Camicia con gemelli bianca o con colletto e polsi a contrasto.

o Cravatta color perla/grigio chiaro o argento; l’ascot da cerimonia è a volte utilizzato, ma preferirei la cravatta in quanto è più contemporanea.

o Fazzoletto da taschino bianco o in seta con motivi piccoli e in tono con la cravatta


Vestito grigio scuro o blu


Sebbene la scelta del tight sarebbe la più corretta, il vestito classico grigio scuro o blu è un’opzione molto più versatile e che permette di utilizzare l’abito in molte altre occasioni e anche contesti lavorativi.


La scelta da compiere è fra un abito blu scuro (anche se più adatto per la sera) o grigio antracite (più adatto per il giorno); si potrebbe optare per un tre pezzi o un doppiopetto per aggiungere formalità e una cravatta meglio se in tinta unita scura, grigio perla, blu o nera in garza di seta, o in micro-stampa con colori scuri. Fazzoletto da taschino bianco e camicia rigorosamente bianca con gemelli; scarpa Oxford nera.


Lo smoking


Lo smoking è l’abito da sera per eccellenza e viene spesso usato erroneamente nei matrimoni diurni, specialmente negli Stati Uniti. Usatelo solo se la cerimonia avverrà di sera dopo le ore 18.00.


I tessuti


La stagione è molto importante per la scelta del tessuto e per la scelta dell’abito; il tight si usa solo in città, mentre l’abito può essere usato ovunque.

  • Matrimonio sulla spiaggia in estate: abito di lino o lino/lana leggerissimo è la scelta adeguata, in quanto il contesto è abbastanza informale.

  • Matrimonio in città: come detto in precedenza, qui la scelta cade su un tight se vogliamo un matrimonio molto formale o abito nel caso di uno più rilassato. Tessuti: lana 120’s, 130’s, 140’s se in primavera/estate o tessuti un po’ più pesanti se in autunno/inverno ma sempre 120’s, 130’s, 140’s per avere un abito con un tessuto lussuoso.

  • Matrimonio in campagna: in questo caso optare per un abito blu scuro risulterebbe fuori luogo data l’informalità della cerimonia. Colori come il marrone scuro e varianti si prestano molto bene in questa situazione; fare attenzione ad indossare anche scarpe marroni. I tessuti da scegliere variano, come sopra, in base alla stagione.


Arrivati a questo punto dovreste essere capaci di riconoscere l’abito più adatto per affrontare questa scelta importante con sicurezza. E per quanto riguarda gli invitati e i testimoni? Ne parleremo in un prossimo articolo, quindi rimanete aggiornati!


Grazie per la lettura,

Federico


138 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Il rever